fbpx

Rigenera Dentale

Il tuo nuovo sorriso

PRESERVAZIONE DELL’ALVEOLO

Prevenire il collasso dei tessuti molli e contrastare il riassorbimento osseo.

Nelle procedure di impianto dentale, il posizionamento dell’impianto può essere limitato dal riassorbimento dell’osso che può verificarsi dopo l’estrazione di un dente determinando un significativo cambiamento dimensionale nella cavità alveolare. Ciò porta a una riduzione dell’altezza e della larghezza della cavità alveolare e ad una quantità ridotta di osso residuo disponibile per il posizionamento dell’impianto. Per questo motivo, la preservazione della cavità alveolare è una procedura chiave dell’odontoiatria clinica contemporanea.

RIALZO DEL SENO MASCELLARE

Permette di aumentare la quantità di osso disponibile al fine di posizionare un impianto dentale.

La ricostruzione parziale o totale della mascella senza denti può essere effettuata tramite il posizionamento dell’impianto dentale, ma questo approccio è comunemente limitato dalla quantità e qualità dell’osso residuo. La tecnica chirurgica di rialzo del seno mascellare ha lo scopo di aumentare lo spessore osseo nell’area posteriore consentendo il posizionamento dell’impianto dentale.
Diversi materiali o sostituti ossei possono essere oggi utilizzati per riempire lo spazio creato tra la membrana e il pavimento del seno mascellare, Tuttavia, la loro disponibilità è limitata dalla quantità di innesti intra-orali che può essere prelevata, dalla morbilità del sito del donatore e dal costo elevato per il prelievo osseo da siti extraorali.

RIGENERAZIONE PARODONTALE E PERIMPLANTARE

Permette di rigenerare i tessuti che sostengono i denti.

La parodontite o piorrea , è una delle malattie infettive più diffuse al mondo e provoca la perdita di supporto osseo di elementi dentali. Nei paesi occidentali, colpisce in forma lieve circa il 40% degli adulti.

I principali sintomi della parodontite o piorrea sono:

  • il sanguinamento delle gengive;
  • l’ipersensibilità dentale al caldo e al freddo;
  • il dolore e l’ipersensibilità alle gengive;
  • l’abbassamento delle gengive;
  • la sensazione di vedere i denti “più lunghi”;
  • la sensazione di avere i denti che si muovono;
  • la sensazione di avere i denti che cambiano posizione;
  • l’alitosi.

Trascurare anche uno solo di questi sintomi può comportare lo sviluppo della parodontite e un aggravamento della malattia parodontale.

L’obiettivo finale della terapia parodontale è la rigenerazione dei tessuti di sostegno dei denti, ovvero gengive, ossa e legamento parodontale. Se non adeguatamente trattata, la piorrea porta alla progressiva perdita dei denti a causa del riassorbimento dell’osso e del tessuto gengivale da cui sono sostenuti. Numerosi trattamenti come l’uso di innesti ossei o la rigenerazione guidata dei tessuti sono stati applicati dimostrando una grande variabilità in termini di rigenerazione ossea. Il successo della rigenerazione parodontale sembra infatti essere influenzata da diversi fattori legati al paziente, alla forma del difetto, alla procedura chirurgica e all’abilità dell’operatore.

I sintomi della malattia parodontale non devono mai essere sottovalutati, perché portano sempre a un peggioramento e a una cronicizzazione dei disturbi, con il conseguente aggravamento della patologia.

LA MEDICINA RIGENERATIVA DELLA TECNOLOGIA RIGENERA

La tecnologia Rigenera è una procedura minimamente invasiva. L’intera procedura avviene in una sola sessione chirurgica e dura circa 30 minuti. L’intera procedura è effettuata dall’odontoiatra nel suo studio medico.

E’ una metodica sicura e senza utilizzo di farmaci in cui il paziente è allo stesso tempo donatore di se stesso di piccole porzioni di tessuto , detti microinnesti, che hanno la capacità di innescare un processo rigenerativo sui tessuto molli e duri. Un piccolo frammento di tessuto viene prelevato mediante l’utilizzo di un punch da biopsia e poi disaggregato con il dispositivo medico Rigeneracons. Il tessuto così processato viene quindi utilizzato come microinnesto.

La tecnologia a microinnesti Rigenera si è dimostrata estremamente funzionale anche nella rigenerazione parodontale, suggerendo che l’applicazione di microinnesti autologhi possa essere una procedura clinicamente rilevante nel trattamento di difetti intra-ossei.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI
O PRENOTA UN CONSULTO PERSONALIZZATO

Chiamaci al numero 351.8574210 o clicca sul seguente link